Luca Artioli

The sky of Manhattan

Tre months in Manhattan, a new book of wonder will be published may be one day…

The shadow has nothing more to cling to

nor nails to scratch with.

It implodes on itself

within its eye of darkness.

Walls of mirror reflect now

a new wonder of light.

All is smooth, flattened and glossy

so nothing can cling to the past.

The old weighs too much and unbalanced

falls back.

Only a wind of rebirth can arise

and go beyond. Because it is light,

empty of words and memories.

It blows warmly without misting

the new way with fear and vertigo.

Everything remains limpid, clear and silent

while I emerge from the tunnel.

I am out!

L’ombra non ha più appigli a cui reggersi

né unghie con cui graffiare.

Implode su se stessa

dentro il suo occhio di buio.

Pareti di specchio riflettono ora

un nuovo stupore di luce.

Tutto è liscio, levigato e lucido così che

niente possa trattenere il passato.

Il vecchio pesa troppo e sbilanciato

cade indietro.

Solo un vento di rinascenza può salire

e andare oltre. Perché è leggero,

vuoto di parole e ricordi.

Soffia tiepido senza appannare di paura

e vertigine la nuova via.

Tutto rimane limpido, chiaro e silente

mentre esco dal tunnel.

Io sono fuori!

Project Details

When the trees becomes clouds,
the sky caress the heart,
and your dreams can fly beyond